Chiedilo al Club

Aiutateci... ad aiutarvi


Assicurazioni agevolate:
Sono applicabili a tutti i veicoli che abbiano almeno 20 anni di età. Il Club non ha nessun accordo con Compagnie “convenzionate”: la
sottoscrizione della polizza è un rapporto tra contraente e assicuratore. La scelta va operata considerando diverse variabili: prima
fra tutte è quella dei documenti richiesti: per alcune Compagnie è sufficiente esibire la tessera del Club in corso di validità, altri
richiedono l’Attestato di Storicità del veicolo, altri ancora il Certificato di Identità (ex Omologazione). Il contraente dovrà inoltre
valutare, rivolgendosi direttamente all’agente, l’entità del premio annuale, i massimali previsti, i conducenti ammessi alla guida, e le
altre varie clausole. Per nessun motivo il Club potrà fare da tramite o garantire sull’operato delle varie Compagnie. E’ assolutamente
inutile quindi telefonare al Club per avere informazioni su questo argomento.


Tessera Club:
È valida per il periodo dall’1 gennaio al 31 dicembre di ciascun anno. È l’unico documento che attesta l’appartenenza al Club: è
indispensabile (condizione minima) per poter stipulare una polizza per veicoli storici: a questo proposito è opportuno ricordare che la
Segreteria del Club mette a disposizione delle compagnie i nominativi dei Soci che al 28 febbraio non abbiano rinnovato la tessera.
L’associazione al Club è comprensiva dell’iscrizione all’A.S.I. e dà inoltre diritto a ricevere il notiziario “il radiatore” ed il periodico
dell’A.S.I. “La Manovella” oltre che ad accedere ai suoi vari servizi, come l’ottenimento dell’Attestato di Storicità, Certificato
d’Identità, Certificato delle Caratteristiche Tecniche e/o Passaporto F.I.V.A., la Federazione Internazionale di cui l’A.S.I. è l’unico
Club di riferimento in Italia. Per il 2010 il Consiglio Direttivo di Ruote del Passato ha fissato le seguenti quote associative:


Quota Club                                 € 58,68

Quota ASI (formula BASE)       € 41,32         Totale           € 100,00

(formula IN)          € 50,00           € 108, 68

(formula FULL)     € 80,00           € 138,68


La quota di primo ingresso, comprensiva di quota ASI e quota Club a decorrere dall’1 gennaio 2010 è di € 200,00. I soci familiari, gli
“under 25” ed i soci provenienti da altri sodalizi sono esentati dalla quota d’ingresso.


Il Radiatore: (cartaceo e on-line)
È il notiziario stampato e spedito mensilmente a tutti i Soci: informa sulla vita sociale, sul calendario manifestazioni e sugli eventi
organizzati dal Club. Contiene inoltre tutte le informazioni utili sulle Pratiche A.S.I., sul Codice della Strada, sul trattamento fiscale e
contiene anche una sezione dedicata al compro/vendo, grazie alla quale i contatti avvengono direttamente tra i Soci: anche in
questo caso il Club, oltre a non chiedere alcun compenso ai Soci inserzionisti, non funge da intermediario nelle transazioni e non può
garantire sulle condizioni dei veicoli. Vorremmo evidenziare che “il radiatore” è il mezzo con cui Ruote del Passato dialoga con il
corpo sociale: è opportuno che venga letto attentamente: può risolvere la maggior parte dei problemi.


Prenotazione Raduni:
Va effettuata entro i termini indicati a mezzo telefono, con un fax o lasciando un messaggio sulla segreteria telefonica, precisando:
nome, numero delle persone partecipanti e tipo di veicolo. Non chiedeteci la conferma telefonica: sarete richiamati solo se i posti
saranno esauriti. Siete pregati di avvisarci prima possibile se per qualche motivo dopo la prenotazione non potete più intervenire:
questo per evitare di pagare i coperti prenotati ai ristoranti anche se non sfruttati o, peggio, negare la partecipazione a qualcuno e
ritrovarsi con dei posti vuoti. Frequente è l’abitudine di presentarsi al raduno senza prenotazione: d’ora in poi non accetteremo
iscrizioni “sul posto”. Infine un appello: auto e moto da sempre circolano anche con pioggia e neve: evitate quindi di chiederci se «il
raduno si fa o no» o di prenotare il posto «se non piove».


Certificato di rilevanza storica e collezionistica ed attestato di datazione e storicità auto
È il primo livello di Certificazione, e serve per acquisire la qualifica di veicolo d’interesse storico e collezionistico, per la sua revisione
periodica nonché il particolare trattamento assicurativo (se richiesto dalle Compagnie di Assicurazioni) e per le pratiche di
sdoganamento. I controlli dei veicoli vengono effettuati in apposite Sedute organizzate periodicamente dal Club, che vengono
pubblicizzate su “il radiatore” e sul sito Internet www.ruotedelpassato.it Il Socio che intendesse presentare il proprio veicolo deve
prenotarsi per tempo e preparare la documentazione necessaria. I requisiti per ottenere l’attestato sono:


carrozzeria conforme all’originale;
motore del tipo montato in origine dal costruttore o compatibile;
interni decorosi, cioè non lacerati o bucati.


Si raccomanda di presentarsi alla seduta con la vettura pulita (anche il vano motore), senza foderine e con la documentazione e le foto
previste.
Lo stampato della domanda va richiesto alla Segreteria e riconsegnato alla stessa debitamente compilato.
L’Attestato di Datazione e Storicità viene rilasciato dall’ASI con la stressa domanda contestualmente e gratuitamente.


Certificato di rilevanza storica e collezionistica ed attestato di datazione e storicità moto
La moto deve essere originale, conservata o restaurata. Sulla richiesta dell’Attestato dovranno essere apposte le foto richieste (3/4
anteriore lato dx- 3/4 posteriore lato sx con targa visibile - n° telaio - n° motore ed eventuale targhetta di identificazione) e le fotocopie
(Libretto, C.d.P. e/o Foglio Complementare). Per lo stampato vale quanto già detto per le auto. Per i motocicli non sono previste sedute,
anche se è comunque necessaria la firma e la relazione del Commissario Tecnico Moto del Club.
Sia per le auto che per le moto il Certificato può essere rilasciato autonomamente oppure congiuntamente al Certificato di Identità
allorché vengano richiesto quest’ ultimo.Il Consiglio Federale ha deliberato che, per avere il Certificato di Rilevanza Storica si deve
versare all'A.S.I. per ogni domanda un rimborso spese corrispondente a: € 20,00 per le Auto e a € 10,00 per le Moto e per richieste di
Duplicati, Passaggi di Proprietà e Rettifiche € 10,00. Per ogni pratica saranno richiesti € 10,00 per spese postali e di segreteria.


Tasse automobilistiche
Per evitare qualsiasi fraintendimento, in materia di esenzione dalle tasse automobilistiche, riassumiamo così :
Veicoli ultratrentennali: In relazione all'art. 63 L.342/2000, sono automaticamente esenti , ma sono soggetti al pagamento della somma
forfetaria di circolazione nel caso di loro utilizzo. Per ottenere tale beneficio non è necessario essere soci A.S.I., né inoltrare alcuna
pratica.
Veicoli da 20 a 30 anni: in seguito all’abrogazione dell’ art. 63 comma 2 e 3 Legge 342/2000 tutti i veicoli possono ottenere il CRS ma lo
stesso NON consente più l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica (salvo nelle Regioni che ancora applicano questa
normativa). Serve comunque per richiedere il particolare trattamento assicurativo.

Certificato d’Identità Auto e Moto

La pratica di certificazione d’identità rappresenta il più importante riconoscimento dell’ASI per un veicolo
di interesse storico: l’originalità di tutte le sue parti: meccanica, carrozzeria, interni, tessuti, pneumatici,
strumentazione, optional. Tale attestazione può riguardare sia veicoli restaurati, sia veicoli conservati
(rispetto al momento della costruzione). Il certificato di identità permette anche di partecipare a tutte le
manifestazioni organizzate dall’ASI. Inoltre è richiesto da alcune compagnie di assicurazione per potere godere di premi agevolati. La
pratica ha un costo di € 105,00 per le auto e € 60,00 per le moto.
La pratica si articola in alcune fasi:
1)      il socio del Club deve contattare il Commissario Tecnico di Club per una preventiva verifica del veicolo in            modo valutare sia nelle                                                                                                                
condizioni di originalità sopra ricordate per potere superare l’esame della Commissione Tecnica Nazionale             ASI.     Il Commissario
Tecnico di Club può suggerire le migliorie o le modifiche da apportare al veicolo. 
2)       compilazione del modulo che ogni socio può ritirare presso la Segreteria del Club. Inoltre                       è  necessario  effettuare una nutrita serie di
foto e di campioni di colore e materiale di tappezzeria da allegare al modulo.
3)        firma del modulo da parte del Commissario Tecnico di Club che provvede a redigere la relazione tecnica.
4)        invio del modulo alla Segreteria Generale dell’ASI ( almeno un mese prima che si svolga la seduta di        controllo )che provvederà
successivamente a convocare il socio, sempre tramite il Club, a presentarsi ad una seduta di esame    della       Commissione Tecnica
Nazionale ASI per la verifica finale del veicolo. Può accadere che la seduta di esame si tenga in                         una  località diversa rispetto a quella di
residenza del socio.
5)         se il veicolo supera l’esame la pratica tornerà alla Segreteria Generale dell’ASI che provvederà ad                    inviare alla Segreteria del Club il                                                                                                  certificato d’identità e la targa in ottone. Qualora, invece, il veicolo non superi l’esame, la Commissione Tecnica             Nazionale ASI potrà
indicare al socio le migliorie e le modifiche da apportare, in modo da poterlo ripresentare successivamente.


Certificato di Rilevanza Storica e collezionistica per Reimmatricolazione Autoveicoli e Motoveicoli
Il CRS è il nuovo documento, introdotto dal Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 19 marzo
2010, normalmente conosciuto come «Decreto Matteoli», dal nome del ministro che lo ha firmato. Questo decreto tratta di «Disciplina e
procedure per l’iscrizione dei veicoli di interesse storico e collezionistico nei registri, nonché la loro riammissione in circolazione e la
revisione periodica». Pertanto, l’iscrizione ad un registro di un veicolo storico è subordinata al rilascio, da parte del registro stesso, del
Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica.
La pratica ha un costo di € 105,00 per le auto e € 60,00 per le moto, ma il documento è gratuito se richiesto contestualmente al Certificato
di Identità. La domanda cartacea è la stessa del crs per la certificazione sopra menzionato. Oltre a tutte le foto richieste serve anche una
dichiarazione di verifica o dei lavori eseguiti da parte di una officina iscritta al registro delle imprese ed il veicolo deve essere visionato dal
Commissario Tecnico di club, che controllerà la corrispondenza dei numeri di telaio e di motore e l’effettiva autenticità del mezzo. Il veicolo
stesso dovrà essere presentato in buone condizioni generali, completo e funzionante, con il vano motore pulito e senza foderine sui sedili

 

© 2017 Ruote del Passato - C.F. 91049830937 / Privacy

Powered by Joomla! and GestioneInternet